In primo piano

Ecobonus: no a nuovo ossigeno. La filiera reagisca

Rifinanziamento delle fasce di ecobonus che più sono state richieste dal mercato? Nemmeno per sogno. Tutto è rimandato alla prossima manovra finanziaria e, quindi, se ne riparlerà nel 2021. Doccia fredda, dunque, sulle associazioni di categoria che confidavano che tra le novità dell’ultima ora relative al Decreto Agosto, il governo decidesse di rilanciare gli incentivi sulle due...

leggi tutto

Governo “in rosso”: auto ago della bilancia

di Adolfo De Stefani Cosentino, presidente di Federauto

Il dato di chiusura di settembre (+9,5%) è un segnale incoraggiante, ma potrebbe trattarsi di una variazione positiva isolata, dettata dal grande successo dell’ecobonus, in particolare di quello delle auto della fascia 91-110 g/km di CO2. Moltissimi clienti hanno optato per questa possibilità, determinando l’esaurimento dei...

leggi tutto

Caro gasolio: forze politiche in campo

di Cinzia Franchini, portavoce di Ruote Libere

Non si può che accogliere con favore la mobilitazione di tutte le forze politiche contrarie allo scellerato aumento del gasolio che il Governo vorrebbe varare dal primo gennaio 2021attraverso l’eliminazione del sussidio ENSI24 che prevede appunto un differente trattamento fiscale tra benzina e gasolio.

Bene ha...

leggi tutto

Incentivi: continuare l’incoraggiamento. E sul Codice stradale…

di Paolo Scudieri, presidente di Anfia

Dopo un agosto stabile, seguito a 7 mesi consecutivi in flessione, a settembre 2020 il mercato auto italiano torna finalmente ad avere segno positivo (+9,5%), beneficiando anche di un giorno lavorativo in più rispetto a settembre 2019 (22 giorni contro 21).

Gli incentivi introdotti con il DL Rilancio...

leggi tutto

Codice stradale, accise, marittimo: le nostre battaglie

di Paolo Uggé, vicepresidente di Conftrasporto e Confcommercio

Dalle stravaganze del nuovo Codice della strada alla follia dell’aumento delle accise, fino alla penalizzazione del  settore marittimo italiano. Da più parti, trasversalmente, dalla politica che sa ascoltare arriva la conferma della fondatezza delle nostre posizioni sui temi di attualità legati al trasporto. Sono demenziali...

leggi tutto

Incentivi: il governo non tolga ora ossigeno

di Michele Crisci, presidente di Unrae

I dati sulle immatricolazioni del mese di settembre, finalmente positivi, equivalgono a una cartina di tornasole che conferma l’efficacia della politica degli incentivi come strumento necessario per superare una crisi di mercato straordinaria.

Unrae si è adoperata in tutti i modi per far comprendere che l’eccezionalità...

leggi tutto

Codice della strada: blitz per fare cassa

Blitz sul Codice della strada. Il Decreto Semplificazioni entra a gamba tesa sul testo e apporta una serie di modifiche che sembrano fatte apposta per permettere ai Comuni di fare ancora più cassa a scapito degli automobilisti. Succede che da una parte si dà un contentino al settore automobilistico attraverso un piano incentivi anche se più ideologico che basato sulla...

leggi tutto

Emergenza clima: Italia in prima linea

di Sergio Costa, ministro dell’Ambiente

L’emergenza climatica non aspetta nessuno. Per questo mi sono recato in questi giorni a Londra per incontrare i nostri partner inglesi nell’organizzazione della prossima Conferenza mondiale sul clima. L’emergenza Covid-19 ci ha costretto a rinviare di un anno la Cop26, e di conseguenza la PreCop e la Youth4Climate dedicata ai...

leggi tutto

Due ruote: noi sì che siamo ripartiti

di Paolo Magri, presidente di Confindustria Ancma

Le due ruote si confermano come uno dei simboli della ripartenza post lockdown: per passione, per un nuovo desiderio di libertà e per le risposte concrete che offrono a una nuova domanda di mobilità fruibile, veloce, distanziata e più sostenibileil mercato recupera ancora terreno e dà fiducia...

leggi tutto

Cina: gli errori che ora si pagano

di Pier Luigi del Viscovo, direttore del Centro studi Fleet & Mobility

L’industria automobilistica cinese galoppa e punta sull’Europa, ovvero il ventre molle dell’Occidente. Quando i libici acquisirono un pacchetto di Fiat, si scatenò un baccano. Ora che i cinesi hanno quote molto importanti in gruppi altrettanto importanti, vere bandiere dell’industria franco-tedesca, nessun clamore....

leggi tutto

Like us on Facebook! Follow us on Twitter! Watch our Video! Follow us on Instagram!