In primo piano

2021: guerra al virus e ribaltoni auspicati

Solo quando i vaccinati contro il Covid-19 riguarderanno una buona parte della popolazione, almeno il 70%, si potrà pensare di tornare alla normalità. E sarà una vera conquista, l’uscita da un incubo costato tante vite e tanti affetti cari. Ad aspettarci, dunque, saranno ancora mesi di sacrifici e restrizioni. Ma importante è non replicare gli errori commessi che portano...
leggi tutto

Pedaggi: “Anno nuovo, ma vecchie (e cattive) abitudini”

di Cinzia Franchini, portavoce di Ruote Libere Aumento di quasi il 3,5% il pedaggio della A35, più nota come BreBeMi, insieme all’autostrada A21 Piacenza-Brescia gestita da Autovia Padana, nonostante il blocco fino all’estate degli aumenti dei pedaggi dei principali assi autostradali annunciato dal Governo col decreto Milleproroghe. Ufficialmente l’incremento è giustificato dall’inflazione (+0,50%) e dal parametro ‘riequilibrio’ (2,9%), mentre...
leggi tutto

Asi e il 2021: nuovi traguardi e nuovi obiettivi 

di Alberto Scuro, presidente di Asi

Seppur in un anno complicato, il nostro mondo, quello del motorismo storico, non si è mai fermato. È la verità. All’inizio di un nuovo anno ci si guarda alle spalle, si tirano le somme su ciò che si è fatto in quello appena concluso e nonostante tutto, e nel doveroso...

leggi tutto

Pmi e virus: ricavi giù per 420 miliardi, cosa fare

di Paolo Zabeo, coordinatore dell’Ufficio studi di Cgia La cifra è di quelle da far tremare i polsi: 420 miliardi  di euro. A tanto ammonta la perdita di fatturato registrata nel 2020 dalle imprese italiane a causa del Covid-19. La stima è stata elaborata dall’Ufficio studi di Cgia. Al netto delle misure a sostegno della liquidità e agli...
leggi tutto

Euler Hermes: supply chain e pandemia

Foto: Alexis Garatti, Capo Studi Economici di Euler Hermes La pandemia e il conseguente lockdown hanno provocato l’interruzione delle catene di fornitura globali e indotto tutti i policymaker verso i concetti di  reshoring e resilienza. Il nuovo rapporto di Euler Hermes esamina come la pandemia sta spingendo i produttori a  ripensare le proprie strategie in materia di supply chain. Per...
leggi tutto

Deloitte: imprese più propense verso l’innovazione

di Andrea Poggi, Deloitte Innovation Leader di Deloitte North South Europe  I dati Istat sull’innovazione nelle piccole e medie imprese che testimoniano una maggiore propensione a innovare è un segnale confortante per il futuro. Rispetto al triennio precedente il 55,7% delle imprese ha svolto attività innovative tra il 2016 e il 2018 e il 49,7% delle imprese...
leggi tutto

2020-2021: diamo un po’ di numeri sull’auto

L’imminente nascita di Stellantis, dalla fusione di Fca con Psa, potrebbe dare il via ad altri consolidamenti nel settore. Gli investimenti in elettrificazione e nelle tecnologie per la guida autonoma continuano a erodere margini ai gruppi automobilistici. La redditività dei principali costruttori, come ricorda PwC in un’analisi sul settore, nell’ultimo biennio è scesa del 30% nonostante il contestuale aumento...
leggi tutto

Incentivi: vinta una dura battaglia

di Martina Nardi, presidente della Commissione Attività Produttive della Camera Non è stato facile, è stata una battaglia dura, ma alla fine ci siamo riusciti e quindi la soddisfazione mia e dell’intera commissione è forte. Si tratta di un segnale importante perché va nella direzione che abbiamo sempre auspicato: da una parte aiutare la lotta all’inquinamento atmosferico con misure che...
leggi tutto

2020: prima te ne vai, meglio è

di Giordano Biserni, presidente di Asaps Per questo 2020 se volessimo cominciare dall’analisi del suo andamento dovremmo prendere questo foglio e stracciarlo a coriandoli per cercare di fare allegria, per quanto è stato tragico e ignobile oltre ogni limite immaginabile. Poi si dice dei bisestili… E’ iniziato malissimo con i primi cenni già a fine gennaio di questa allora...
leggi tutto

L’auto e il futuro: “Recovery Fund” treno da non perdere

di Gian Primo Quagliano, presidente di Centro studi Promotor Il mercato automobilistico italiano chiuderà il 2020 con un calo del 28% delle immatricolazioni che si attesteranno intorno a 1.380.000 unità: un livello da anni ’70 del secolo scorso. Il risultato del 2020 avrebbe potuto essere anche peggiore se il Parlamento non avesse accolto l’emendamento al Decreto Rilancio presentato dall’on....
leggi tutto

Like us on Facebook! Follow us on Twitter! Watch our Video! Follow us on Instagram!