L’auto nel 2021: sarà “ripresa”, ma c’è tanto da fare

di Michele Crisci, presidente di Unrae

Guardando allo scenario con cui si è aperto il mercato dell’auto 2021, la nostra stima per il mercato delle autovetture per l’anno in corso è di 1.550.000 immatricolazioni, che indica un andamento positivo del +12% rispetto all’annus horribilisappena chiuso, ma che va letta in relazione al trend pre pandemia: parliamo ancora di un pesante calo del 19% rispetto ai livelli 2019 e non è certamente una stima prudenziale.

I programmi del PNRR rappresentano un’occasione storica per l’Italia, fondamentali per il decollo della mobilità verde e il rilancio del settore automotive, con benefici per l’ambiente la stabilità occupazionale e il bilancio dello Stato. In questo quadro, il nostro settore può giocare un ruolo centrale per il riavvio dell’economia, attraverso tre pilastri strategici su cui convogliare le risorse disponibili.

Eccoli: un corretto supporto allo sviluppo della mobilità green, rispettando la neutralità tecnologica; la realizzazione di infrastrutture di rifornimento per i veicoli di nuova generazione; una maggiore competitività delle aziende italiane, allineando la fiscalità delle imprese che si avvalgono di auto aziendali a quella dei principali Paesi europei, riducendo il gap competitivo di cui soffrono”.

Like us on Facebook! Follow us on Twitter! Watch our Video! Follow us on Instagram!