Codice della strada: blitz per fare cassa

Blitz sul Codice della strada. Il Decreto Semplificazioni entra a gamba tesa sul testo e apporta una serie di modifiche che sembrano fatte apposta per permettere ai Comuni di fare ancora più cassa a scapito degli automobilisti. Succede che da una parte si dà un contentino al settore automobilistico attraverso un piano incentivi anche se più ideologico che basato sulla razionalità, e dall’altra si sfoga l’odio verso gli utenti della mobilità a motore, considerati ormai alla pari di un bancomat senza Pin, introducendo norme che rendono più facile multare all’interno dei centri urbani.

Non fraintendete, però: chi scrive è per il rispetto delle regole e, nella fattispecie, dei limiti di velocità dentro e fuori i centri urbani. Ma non bisogna esagerare. Posizionare Autovelox là dove magari il limite è di 20 o 30 orari significa poter contare su una valanga di multe. Non è facile procedere quasi a passo d’uomo. E poi si rischiano code, ingorghi e più inquinamento. Per non parlare delle soluzioni demenziali riguardanti i “sacri” ciclisti, immuni da qualsiasi contestazione, anche se viaggiano sui marciapiedi, senza luci, attraversano con il rosso, parlano al cellulare, come i loro colleghi monopattinari (altra disgrazia imposta da questa sinistra). Le bici potranno infatti viaggiare contromano lungo le corsie ciclabili per doppio senso di circolazione, indipendentemente dalla larghezza della carreggiata e dalla presenza di aree per la sosta veicolare. E chi se ne frega se chi è in sella a una bici procede, come capita spesso, a zigzag o peggio: importante è che chi guida sorpassi “a ridottissima velocità”, prestando attenzione ai possibili ondeggiamenti.

Attenzione poi: ausiliari del traffico (che già lo facevano), autisti degli autobus, gestori di parcheggi e netturbini potranno elevare sanzioni.

Insomma, parole d’ordine è succhiare sangue agli automobilisti, non a caso nel momento in cui – alla ripresa delle attività – l’auto privata sarà preferita ai mezzi pubblici per ragioni di sicurezza sanitaria.

Il testo, approvato in Senato con la fiducia, sarà ora all’esame della Camera. E la stretta sugli smanettatori di smartphone e cultore dei selfie al volante? E le punizioni esemplari per chi viene sorpreso ubriaco o drogato al volante? E la necessità di mettere più uomini delle forze dell’ordine sulle strade? E i maggiori controlli sul trasporto pesante? E chi va in auto privo di assicurazione? C’è tempo. Importante è fare cassa subito e con maggiore facilità.

Like us on Facebook! Follow us on Twitter! Watch our Video! Follow us on Instagram!