Il calo del diesel ora preoccupa

di Gianmarco Giorda*

L’andamento negativo del mercato auto (-7,3% in giugno)  è dovuto, in particolar modo, al pesante calo delle autovetture diesel, che nel mese di giugno 2018 subiscono una riduzione del 17% rispetto a giugno 2017 (il maggior calo mensile da dicembre 2017, mese che ha registrato la prima flessione delle vendite di auto diesel), mentre nei primi 6 mesi il calo è del 6%.

Il mercato, senza le autovetture diesel, cresce del 6% a giugno 2018 e del 5% nel primo semestre. La quota di mercato delle autovetture diesel, a giugno 2018 è del 52,6%, mentre a giugno 2017 era esattamente 6 punti percentuali in più. Le autovetture ad alimentazione alternativa, invece, rappresentano il 14,2% di quota di mercato nel mese, la più alta dopo gennaio 2015, quando era del 15,8%. Questo segmento risulta in crescita del 13,5% a giugno e del 15% nel cumulato.

Per far fronte agli obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale della mobilità, riteniamo che sia necessario stimolare in qualche modo la domanda nel canale dei privati, così da agevolare il rinnovo del parco circolante, elemento indispensabile e spesso sottovalutato per realizzare una mobilità davvero sostenibile.

*Direttore di Anfia

Like us on Facebook! Follow us on Twitter! Watch our Video! Follow us on Google+!